Fabrizio Gatta, dalla televisione all’altare: “Ecco perché sono diventato sacerdote”

0
143

Anni dopo essere scomparso dai nostri schermi, Fabrizio Gatta riappare in pubblico. Ma questa volta come sacerdote. I perché di una scelta.

Vi ricordate di Fabrizio Gatta? Una delle facce gentili della nostra televisione, Fabrizio Gatta debuttò sui teleschermi nel 1996, conducendo il Concerto dell’Epifania. Il presentatore alle primissime armi ebbe un tale successo con il suo programma da vedersi affidato il programma anche nelle successive otto edizioni. 

Fabrizio Gatta giava l'Italia e ra gira tra i suoi parrocchiani-2
Fabrizio Gatta girava l’Italia e ra gira tra i suoi parrocchiani | Web Source

Leggi anche -> Uno Mattina in famiglia: Tiberio Timperi intoccabile, ecco chi sarà la sua nuova spalla 

Parlando in modo tranquillo e intelligente, quasi sussurrando (perlomeno per quanto è possibile sul piccolo schermo, Fabrizio Gatta ha fatto strada nella TV di stato. Dallo sport ai programmi per gli italiani all’estero, quello di Gatta è stato un progresso lento ma costante, che ha accompagnato serenamente gli spettatori, intrattenendo e talvolta persino aiutando a pensare

Leggi anche -> Elisa Isoardi e la fede: “Con mio papà parlo dei santi”

Come una forza tranquilla, Gatta continua la sua crescita e nel 2010 arriva a condurre Uno Mattina Weekend insieme ad Elisa Isoardi. E qui che si rivela al largo pubblico, con il suo sorriso e la sua capacità di fare intrattenimento che informa e intrattiene, senza stressare. Il passo successivo è l’apice della carriera di Gatta: Lineaverde, il programma che conduce dall’autunno del 2010 e di cui diventerà il volto. Gatta ci porta in giro per l’Italia facendocela scoprire, assaggiare, capire. La stessa formula che sarà di LineaBlu, di cui stavolta è anche autore.

L'ex conduttore di Linea Verde con il Papa | Web Source
L’ex conduttore di Linea Verde con il Papa | Web Source

Leggi anche -> Maria De Filippi festeggia un compleanno importante: “Sono 20 anni…”

La scomparsa di Gatta dalla TV

Eppure qualcosa sta maturando dentro Fabrizio Gatta. Nel 2013, all’apice del suo successo, Gatta abbandona improvvisamente il teleschermo tra lo sconcerto degli appassionati dei suoi programmi. Chi lo conosce sa che Fabrizio ha fatto un passo importante, un totale cambiamento di vita. E sarà lui stesso a raccontarlo in una intervista ad “Avvenire” in cui racconta la sua vocazione come un seme che cresce dentro, lentamente, e non come una improvvisa folgorazione.

Fabrizio Gatta ai tempi di linea Verde-2
Fabrizio Gatta ai tempi di linea Verde | Web Source

Leggi anche -> Elisabetta Canalis e i retroscena su Sanremo: “Tutti ti pizzicano” 

Una pianta però rigogliosa, come quelle che ha raccontato tante volte dalla campagna e dalla collina italiana, che fiorisce portandolo alla decisione di lasciare il teleschermo per iscriversi alla Pontificia Università Gregoriana. “Ho messo la mia vita nelle mani dei Missionari del Preziosissimo Sangue. Saranno loro a decidere cosa farne”.

Oggi, al termine del suo ciclo di studi impegnativo ma sicuramente esaltante, Gatta è sacerdote nella città di Sanremo.

Il seme cresciuto sui campi di Linea Verde ha dato alla fine il suo frutto, tanto importante quanto inaspettato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here