Nadia Toffa: oltre il tumore, l’altra battaglia che nessuno immaginava | Il racconto della mamma

0
176

Nadia Toffa ci ha lasciati due anni a causa di un tumore al cervello. Ma non è stata la sua unica battaglia. La madre racconta il secondo male che nessuno fino a oggi conosceva. 

Nadia Toffa è morta a trent’anni, a Brescia, la sua città natale. Era il 2019: oltre due anni di assenza che sembrano un giorno.

Nadia Toffa- un sorriso invincibile | Web Source
Nadia Toffa- un sorriso invincibile | Web Source

Sì, perché Nadia non era una conduttrice come le altre: la sua forza e la sua umanità “bucavano” il teleschermo e passavano al suo pubblico. Molto tempo prima che se ne conoscesse la tragedia. 

Il suo ruolo principale, quello per cui tutti l’abbiamo conosciuta, è stato quello di conduttrice per Le iene. Ma la sua carriera comincia molto prima del suo debutto nella celebre trasmissione di Italia 1. A soli 23 anni Nadia lavora già per Telesanterno, un’emittente minore ma piena di energie dell’Emilia Romagna. Con questa esperienza riesce a tornare a casa e trovare un ruolo a Retebrescia. Nell’emittente lombarda Nadia lavora dal 2009 al 2013, l’anno in cui viene scoperta da Pif e Geppi Cucciari che conducono le Iene, e ne fanno una loro presenza fissa nella loro trasmissione.

La forza e l'umanità di Nadia Toffa | Web Source
La forza e l’umanità di Nadia Toffa | Web Source

Nel 2017, Nadia scopre il male che l’affligge e comincia la sua lotta, che condurrà con coraggio per ben due anni, tra speranza e delusioni, fino alla sconfitta definitiva del 2019.

Nessuno è riuscito a dimenticarla. La qualità del suo lavoro e la sua inestinguibile forza morale ne hanno fatto un esempio per tutti. E un motivo di orgoglio per sua madre, che ne ha più volte raccontato la tragedia, nella speranza che parte della forza di Nadia possa servire anche ad altri, che si trovano ad affrontare drammi simili

Leggi anche -> Enrico Brignano, il Covid non bastava: il calvario degli ospedali e gli interventi | Tre operazioni in pochi mesi

Nadia Toffa e la sua lotta: la rivelazione della madre

Durante un’intervista a Federica Panicucci, per Mattino 5, la mamma di Nadia ha raccontato un lato della battaglia di Nadia che pochi conoscevano, e che ha gettato una luce ancora più luminosa sulla figura e sulla umanità della figlia.

Nadia Toffa nelle ultime fasi della sua malattia | Web Source
Nadia Toffa nelle ultime fasi della sua malattia | Web Source

Leggi anche -> Alba Parietti, miracolata dopo quell’incidente: la mamma di un calciatore l’ha “salvata”

Sapevamo che alla scoperta del cancro, per quanto terribile, la diagnosi non era stata completamente infausta. Le speranze di guarigione c’erano, e Nadia ha lottato a lungo nella convinzione di potercela fare, almeno finché la realtà di una condizione senza più speranza ha preso il sopravvento. 

Leggi anche -> La febbre: vi siete mai chiesti cos’è veramente e perché ci viene? Quello che scoprirete vi stupirà

Cinque terribili operazioni al cervello, con la speranza di rimuovere il tumore, hanno costellato il suo calvario, mentre le speranze si facevano sempre più deboli. 

Una sfida sostenuta in pubblico, senza arroganza ma con coraggio indomabile. 

Leggi anche -> Quando il “virus” non finisce mai | Il Long Covid è devastante: “ho la febbre da un anno!”

Quello che non conoscevamo era un altro lato oscuro della malattia di Nadia. in mezzo al combattimento disperato contro il cancro, Nadia è stata colpita anche da un altro tragico male. Le è stata diagnosticata una gravissima meningite

Leggi anche -> Eros Ramazzotti: se non avesse fatto quell’intervento, avrebbe dovuto abbandonare la musica

Una disgrazia che Nadia è riuscita a superare e sconfiggere. Al contrario del tumore, che ne ha definitivamente spezzato la resistenza nel 2019.

Non una ma due battaglie, dunque, sono state quelle che Nadia Toffa ha dovuto combattere, mostrando a tutto il mondo il valore di non arrendersi, mai. Qualunque sia il nemico e per quanto numeroso e potente sia. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here