Michael Schumacher, la sua corsa più incredibile | “Chi altri?”

Michael Schumacher si ritirerà nel 2012. Un anno dopo, il 29 dicembre del 2013, Schumi è rimasto vittima di un gravissimo incidente

Il più grande di tutti. Di cui non si hanno notizie (o se ne hanno pochissime e frammentate) dalla fine del 2013. Ma l’amore verso Michael Schumacher non è mai scemato in tutti questi anni.

Schumacher
Michael Schumacher (web source)

Sono infatti ancora a milioni i fan del grande campione tedesco. Nella sua carriera, Michael

 Schumacher ha vinto ben sette titoli mondiali. I primi due con la Benetton (nel 1994 e nel 1995). Poi il lungo dominio in Ferrari con cinque vittorie dal 2000 al 2004. Schumacher è unanimemente riconosciuto come uno dei piloti più forti che la Formula 1 abbia mai avuto. È al secondo posto all time per numero di gare vinte (91), podi (155) e di pole position (68), in tutti e tre i primati dietro al solo Lewis Hamilton

Gran parte dei suoi successi incrociano anche la carriera di Jean Todt in Ferrari. I due hanno sempre avuto un rapporto che va oltre quello professionale.

Michael Schumacher si ritirerà nel 2012. Un anno dopo, il 29 dicembre del 2013, Schumi è rimasto vittima di un gravissimo incidente. Durante una discesa di sci a Méribel, in Savoia (Francia) Schumacher cade, batte violentemente la testa contro una roccia. L’asta della telecamera installata sul caschetto protettivo riesce a perforare anche il cranio del campione. Viene quindi sottoposto a un delicato intervento chirurgico e rimane per circa sei mesi in coma farmacologico.

Ma è da quel 29 dicembre 2013 che nessuno ha più visto pubblicamente Schumacher. L’iridato ha avviato un lungo percorso riabilitativo per riacquisire le facoltà neurologiche. Prima in una clinica di Losanna. Poi in casa, a Gland. Ad accudirlo, la moglie Corinna che non lo ha mai abbandonato. Ma anche l’amico di sempre, proprio Jean Todt. Solo tramite le parole di Corinna e di Jean Todt abbiamo, di tanto in tanto, qualche aggiornamento sulle condizioni di salute di Schumi.

La corsa più incredibile di Michael Schumacher

I fan, quindi, sperano sempre che possa riapparire. Ritornare quello che era. Ovviamente le speranze sono ridotte al lumicino. Ma non per questo la memoria dei sostenitori è annebbiata. E così, dagli archivi, spunta fuori il video di una corsa incredibile dell’ex campione ferrarista.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Formula Strada (@formulastrada)

Un video in cui Schumacher non era testimonial della Ferrari, bensì di Mercedes-Benz. E così, vediamo sfrecciare all’interno di una galleria una rossa che non è un’auto della casa automobilistica di Maranello. Manovre incredibili (e impossibili) anche sulle pareti del tunnel. E, alla fine, lui, alla guida. Con un sorriso che speriamo di poter rivedere presto.